Bortolussi infortunato: “più buia è la notte e più vicina è l’alba”

Per Nick Mallett, il nostro coach sudafricano, il 6 nazioni 2008 si presenta come una sfida sempre più ardua. Nella prossima partita contro il Galles mancheranno infatti David Bortolussi (link wikipedia) e Kaine Robertson (wiki) entrambi infortunati. Per l’estremo – David – si parla addirittura di una spalla rotta e ciò lascia presumere la sua assenza da tutto il proseguo del torneo. Una notizia inaspettata che destabilizza ogni pianificazione da parte dello staff azzurro. Tuttavia questa circostanza infausta potrebbe spingere il coach a testare nuovi giovani e ciò se contestualizzato in una visione a medio-lungo termine toglierebbe un po’ di amarezza alla notizia.

 

Ci preme sottolineare quanto dispiace per David.

Dispiace moltissimo, la sua partecipazione alle prime due partite del Six Nations 2008 è stata caratterizzata da luci ed ombre, molta stampa e molti “tifosi” hanno voluto concentrare l’attenzione sugli errori sorvolando invece su quanto di buono il giocatore ha fatto nei primi 160 minuti del torneo. Siamo certi che se non vi fosse stato questo infortunio avremmo visto una progressione nelle performance dell’atleta azzurro. Continuare nel torneo voleva dire molto per Bortolussi, ci dispiace e speriamo di rivederlo presto in nazionale. Per altro oggi non vi sono molte alternative a Bortolussi, lo stesso Mallett precisa che nelle sessioni di allenamento non vi sono azzurri migliori di lui nei calci piazzati. Certo è un giocatore che soffre ancora troppo la pressione avversaria ma quello è un “problema” che si risolve solo giocando, solo facendo esperienza.

In sostituzione a Bortolussi Mallett potrebbe schierare Marcato con Masi numero 10, oppure mettere Marcato apertura e Galon come estremo. In molti però danno come probabile la partecipazione di Paolo Buso, una giovane promessa del Cammi Calvisano

Per Kaine l’infortunio è meno grave dovrebbe saltare “solo” la prossima partita contro il Galles. Infortunato anche Pratichetti ma sulle sue condizioni lo staff azzurro non si sbilancia. Una torneo tutto in salita quindi per Mallett ed i suoi ragazzi, ma di questo non ci si deve preoccupare troppo, un monaco giapponese del 1200, Nichiren Daishonin, soleva dire: “Di fronte alle difficoltà lo stolto indietreggerà mentre il saggio si rallegrerà” e ancora “più buia è la notte e più vicina è l’alba”. Nella sostanza, come già si è detto più volte, la nostra sensazione è che Mallett stia costruendo il futuro del rugby italiano e che le difficoltà sono fisiologiche in un percorso di crescita che mira dritto ad una vittoria finale e totale. Le stessa cosa vale per Bortolussi: “più buia è la notte e più vicina è l’alba”, tieni duro e presto ti rivedremo più forte di prima.

Signore e signori, a voi Jonny Wilkinson (video)

Lo abbiamo promesso nei giorni scorsi, ecco la prima parte del mimni documentario su Jonny Wilkinson (wikipedia). Una sintesi “arricchita” da contenunti extra del film “Jonny Wilkinson” che trovare sull’omonimo DVD pubblicato dalla Gazzetta dello Sport. Se sei interessato ad acquistare il DVD clicca qui. Vi ricordiamo anche che la Gazzetta dello sport ha pubblicato da poco la nuova collana Rugby Mondiale (clicca qui)

[blip.tv ?posts_id=658833&dest=-1]

Vedia anche

i video della partita Irlanda-Italia

Se avete tempo noi vi riconsigliamo questo filmato: “Tanto per ricordare: Colin Meads” clicca qui e “Jonah Lomu, il mito

Bergamasco: dritto per dritto

[blip.tv ?posts_id=650516&dest=-1]

Vedi il “commento a caldo”: clicca qui

O’Driscoll: lo spirito dell’irlanda

[blip.tv ?posts_id=650425&dest=-1]

Vedi il “commento a caldo” dell’azione durante la partita: clicca qui

Diario Irlanda-Italia 2 febbraio 2008

Ieri ci siamo fatti prendere la mano, abbiamo fatto una cosa fuori programma: il diario della partita Irlanda Italia con commenti a caldo nei minuti più salienti. Sono commenti scritti velocemente mentre guardavamo la partita e che congelano le impressioni del momento, senza rielaborazioni. Una sorta di esperimento estemporaneo che tutto sommano risulta piacevole.
Per vedere i post “diario della partita” clicca qui.
Se vuoi vedere la classifica aggiornata clicca qui
Vuoi commentare la partita nel forum? clicca qui

R. Vallecamonica vs. R. Desenzano, una partita giocata col cuore

Ieri siamo andati in Vallecamonica per seguire l’incontro Rugby Vallecamoonica vs. Desenzano. Una bella partita, equilibrata, che si è conclusa con il risultato di 3 a 8 per il Desenzano. [Il video della partita sarà pubblicato in questo blog mercoledì prossimo]. Ieri abbiamo visto in campo due squadre ben motivate e corrette nel gioco. Guardando la partita abbiamo avuto una piacevole impressione: in campo non vi erano due gruppi contrapposti, in guerra, ma due squadre che prima di tutto lottavano contro sé stesse come se in campo l’avversario fosse l’amico o l’espediente che aiuta a crescere e “tira fuori il meglio”. L’allenatore del Rugby Vallecamonica, Stefano Ghirardelli ex. giocatore del Calvisano, ama ripetere: “in campo non si gioca contro ma con”. Bene, ieri questa teoria l’abbiamo vista concretizzarsi ed è stato bello. Ma cosa significa che ieri le squadre hanno giocato più contro sé stesse che non contro l’avversario in campo? Partiamo da questa circostanza: a fine partita, nonostante un giudizio complessivo molto positivo, abbiamo notato una tendenza umana, molto umana, sulla quale il Rugby Vallecamonica deve ancora lavorare. Questa tendenza è quella che il filosofo giapponese Daisaku Ikeda definisce: “approccio esterno al cambiamento”. continua >>

6 nazioni 2008. Irlanda:In dubbio la presenza di O’Driscoll

La Nazionale Irlandese è in fibrillazione per il suo capitano. Brian O’Driscoll potrebbe infatti non giocare nella sfida contro l’Italia. Uno dei capitani più amati dagli irlandese potrebbe non entrare in campo il 2 di febbraio al Croke Park di Dublino per via di un brutto infortunio all’anca. Brian O’Driscoll gioca nella Nazionale dal 1999, ha capitanato i British & Irish Lions (i migliori giocatori delle isole britanniche) nella tournée in Nuova Zelanda dell’estate 2005 ed ha giocato ben 8 tonei del 6 Nazioni.

Brian O’Driscoll moment of genius