Il Giornale: perchè non segue Totti?

E’ da qualche giorno che ci prudono i polpastrelli. Lunedì mattina abbiamo letto un titolo che non ci è piaciuto, il titolo è questo: “Adesso però qualcuno spieghi all’Italia del rugby che si deve anche vincere”. Su quale giornale si è letto? Ovvio sul “negantropico” il Giornale di “belpietrana” memoria. Sul quotidiano della famiglia Berlusconi (che guarda caso è proprietaria anche di una squadra di calcio) questo era il titolo per non parlare del resto, dell’articolo, eccovi alcuni stralci: <<Mai così vicini alla meta, mai così vicini al miracolo. Eppure anche questa volta l’Italia del rugby dovrà accontentarsi di piacere, non di vincere […] il solito ritornello, quello di un’Italia del rugby che sa lottare ma che si trova sempre con un pugno di mosche in mano. D’accordo, l’Inghilterra non è l’Irlanda, è pur sempre la squadra vicecampione del mondo, ma quella vista in campo ieri al Flaminio, oltretutto decimata dagli infortuni, era probabilmente l’Inghilterra più debole mai incontrata dagli azzurri […] ormai la nazionale di rugby manda in onda sempre il solito film […] ci si ritrova a raccontarci e a scrivere sempre le solite cose: il colpaccio sfiorato, la sconfitta onorevole, il sarà per la prossima volta>>. Dopo un resoconto catastrofista della partita l’articolo si conclude così :<<su 14 sconfitte contro gli inglesi (in 14 incontri) è almeno la più lieve, meglio del 27-20 dei mondiali del ’95. Se può servire, accontentiamoci.>>. Bello, complimenti. Ci sono diversi modi di vedere il rugby, così almeno pare, ci son odiversi modi di guardare più in generale a ciò che ci circonda. Certo potremmo essere accusati di qualunquismo e facile ottimismo cieco. Un rischio che corriamo volentieri, visto che fortunatamente un blog non deve rispondere a nessuno di ciò che pubblica. Ma io credo che per quanto sia vero che l’occasione sia andata persa la realtà dei fatti ci parla di un rugby che nei campi italiani sta crescendo a vista d’occhio. E’ sempre importante ricordare da dove si sta partendo, il nostro sport è antico nel mondo ma giovane in Italia. E’ ovvio che tutti volevano una vittoria la scorsa domenica, gli azzurri più di altri, ma un occhio attento non può che notare la crescita della nazionale italiana. In un articolo come quello letto si nota una facile volontà disfattista, supportata da un’insieme di principi e valori che con il rugby hanno ben poco a che fare. Nessuno obbliga certi organi di stampa a parlare del nostro sport, possono fare a meno ed impegnarsi con tutte le loro energie ad intervistare Totti che con “acuta diplomazia” (così è stata definita da SkyTg 24) lascia intendere che l’Inter è facilitato dagli arbitraggi. Poi perchè non spostare la loro attenzione sui dirigenti del calcio che conta che si insultano l’un l’altro o sulle tifoserie che si picchiano e massacrano di insulti. Del resto è questo ciò che certa stampa vuole, vogliono parlare del caos, della miseria sociale, delle sconfitte. Il filoso Nietzsche diceva che è dal caos che nascono le stelle e quindi per far nascere le stelle certi organi di stampa devono prima fomentare il caos, lo scontento e diffondere rabbia ed ignoranza. Questa è una tecnica conosciuta in comunicazione, si chiama “Negantropia” e serve fondamentalmente per costruire l’immagine di uomini o prodotti forti: prima diffondo paura, incertezza e sconfroto e poi offro la soluzione o il risolutore. Certi quotidiani questa tecnica la utilizzano spesso. Ovviamente non ci parlano di come domenica dentro e fuori lo stadio vi fossero tifosi di ogni età a consumare un momento di festa che nel calcio non vedremo nemmeno tra 20 anni. Questo è quanto, il consiglio: andate ad intervistare Totti e lasciateci in pace.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: