La Nazione, tante piccole condanne impunite

Il globale è fatto dal locale. Le qualità morali di una nazione sono fatte dalla morale del singolo. Dal Giornale di Brescia del 13 novembre 2007: << Condannato per falso il comandante dei vigili>>. Il titolo si riferisce al Comandate dei Vigili (o Polizia Municipale) di Darfo Boario Terme (profondo Nord), il signor Alessandro Mensi, condannato dalla prima sezione pena­le del Tribunale (presidente Enrico Fischetti), a 1 anno e 15 giorni (pena sospesa) per falso ideologico. L’accusa, rappresentata in aula dal pm Francesca Stilla, ha contestato al comandante, difeso dall’avvocato Luisa Morelli, le modalità con le quali nel 2001 assunse tre vigili stagionali. Ora, a Roma poco tempo fa il capo dei vigili urbani si è dimesso perché pizzicato a parcheggiare in un parcheggio riservato ai disabili mentre in questo piccolo paese della Provincia di Brescia – non toccato dai grandi media nazionali – il signor Mensi è ancora al suo posto mentre gli organi di informazione della Vallecamonica non ne parlano. Quante storie simili ci saranno in Italia? Quanto i media locali ci informano davvero? E’ forse giunto il momento di fare una grande rivoluzione morale? A voi le risposte.

Passiamo ora alla Nazione. Una dichiarazione di Antonio Di Pietro (non poteva farla prima? Comunque, meglio tardi che mai): Ho inviato al Presidente del Consiglio e Ministro della Giustizia Romano Prodi una lettera per esprimere le mie preoccupazioni sulle recenti nomine del Comitato direttivo della scuola della Magistratura di Benevento. Nomine fatte, tra gli ultimissimi atti del suo mandato, dall’ex-ministro della Giustizia Mastella. Già nei mesi scorsi avevo inutilmente lanciato l’allarme sul fatto che alcune modifiche normative, fortemente sostenute dal Ministro della Giustizia dell’epoca, palesavano il rischio di possibili condizionamenti dell’autonomia della magistratura. E le nomine, consumate nell’ultimo giorno in carica del precedente Ministro, non possono che avallare quei timori.

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: